La Fondazione Pescarabruzzo non ha finanziato l’opera di Toyo Ito a Pescara

Leggo da giorni sulla stampa locale (e continuo a sentirne l’eco su tutti i media regionali) una buriana di notizie, in occasione della decisione, da parte della giustizia civile, di  autorizzare la rimozione dello Huge wine Glass da Piazza della Rinascita di Pescara.

Soprattutto continua il mantra che vuole la Fondazione Pescarabruzzo finanziatrice di questa sfortunata opera della Città: La Fondazione che io rappresento non ha finanziato in alcun modo l’opera di Toyo Ito né ha avuto alcun ruolo nel suo iter progettuale e realizzativo.

 E’ occasione per sottolineare che è buona prassi del nostro management seguire tutti gli interventi che vengono attuati sul territorio da parte della Fondazione, in maniera puntuale fin dalla fase ideativa, controllandone con dovizia la realizzazione e vigilandone tutte le fasi, fino alla conclusione delle opere.

Sono esempi inappuntabili di questo metodo di lavoro i due più grandi progetti realizzati: il Ponte del mare, fiore all’occhiello di Pescara e il restauro del gioiello artistico di San Clemente a Casauria. Entrambi conclusi in maniera eccellente in tempi record.

 

Il Presidente

Nicola Mattoscio